• Genoni - Colle di Santu Antine

    Genoni

    Colle di Santu Antine

Genoni

Tra paleontologia, archologia e Giara


Vai alla news Mostra fotografica - Centenari di Sardegna

Mostra fotografica - Centenari di Sardegna

28.07.2015 - Dal 3 al 6 agosto 2015 , presso la  [...]

Vai alla news 1^ giornata del cavallo

1^ giornata del cavallo

25.07.2015 - L'Associazione Tottusu in Prazza, i [...]

Vai alla news Rock in Genoni - VII Memorial Mattia Sedda

Rock in Genoni - VII Memorial Mattia Sedda

24.07.2015 - Sabato 5 settembre, l'Associazione  [...]

Vai alla news Laboratori estivi in Biblioteca

Laboratori estivi in Biblioteca

18.06.2015 - La Biblioteca Comunale di Genoni in [...]

Vai alla news 9^ Sagra del maiale

9^ Sagra del maiale

15.06.2015 - L'Associazione Tottusu in Prazza di [...]

Ai visitatori Genoni si presenta inserito nello splendido scenario del monte Santu Antine, maestoso colle di origine vulcanica, circondato da ampie vallate e dallo straordinario altopiano della Giara.

Genoni è un piccolo comune situato a 447 m s.m.l., nella provincia di Oristano. Il centro abitato sorge sulla nuda roccia a ridosso del monte che fu un antica roccaforte Sardo-Punica, dove nei primi secoli del cristianesimo fu edificata una cappella dedicata a San Costantino, da qui il nome del monte. Il paese attorniato da lussureggianti altopiani e campi cinti da storici muretti a secco, dove cavalli, bovini, capre e pecore, vivono allo stato semibrado, regalando suggestivi e pittoreschi scenari.

Punto di forza del Comune di Genoni è certamente la Giara, altopiano basaltico di circa 4200 ettari complessivi, del quale ne comprende una buona parte. Esso è caratterizzato dalla presenza dei cavallini selvatici, da splendidi specchi d’acqua, e da diversi siti archeologici.

Nella sommita' del colle Santu Antine, un piccolo pianoro offre un panorama a 360°, e nelle limpide giornate, la vista giunge fino al mare di Oristano.

Recentemente sulla cima del sopra citato monte, è stato interamente messo in luce, un pozzo sacro di oltre quaranta metri di profondita', che ha restituito una grande quantita' di reperti di eta' Nuragica, Punica e Romana. Infatti diversi ritrovamenti testimoniano la frequentazione di queste terre fin dai tempi più remoti.

Lo Spano (nel Bollettino Archeologico Sardo VIII del 1862, p. 124), menziona la scoperta nello stesso colle di una sepoltura formata da enormi lastroni, appartenuta probabilmente ad un cavaliere, poiché furono ritrovate fra vari oggetti, molte lance ed un morso per cavalli.

Numerosi sono i Nuraghi, oltre venti, per lo più andati distrutti. Sono al contrario tuttora ben conservate le strutture dei nuraghi di Santu Perdu e di Birìu.
Nell'altopiano della giara tra gli altri merita l'attenzione il sito di Bruncu Suergiu, mentre a pochi km dal paese sono presenti alcune interessanti Domus de Janas.

Oltre al ritrovamento di numerose monete in rame rinvenute nell'ottocento, l'insediamento tardo Romano nella localita' di S. Perdu, a Sud-Est dell'attuale centro abitato, conferma la presenza di questo popolo nel territorio.

All’interno di una antica casa campidanese fedelmente ristrutturata, ben si inserisce il Museo del Cavallino della Giara. Il museo si articola principalmente in tre sezioni, una sezione dedicata interamente al cavallino della Giara, un'altra prettamente etnografica ed infine una sezione multimediale particolarmente interessante.

La festa paesana più attesa e che tuttora esercita forte fascino è certamente quella dedicata a S. Costantino e a S. Elena (4-5-6 agosto).

Sito web del Comune di Genoni

Genoni
Genoni
Genoni
Genoni
Genoni
Genoni